La vita marina del Mediterraneo è in pericolo

La vita marina del Mediterraneo è in pericolo

FONTE: di Yiannis Elafros - eKathimerini - https://www.ekathimerini.com/news/1165794/mediterranean-marine-life-under-threat/

La vita marina del Mediterraneo è in pericolo

Vita marina del Mediterraneo in pericolo: il rapporto del WWF evidenzia sei ferite ambientali sotto le onde causate dalla crisi climatica

Il rapporto del WWF evidenzia sei ferite ambientali sotto le onde causate dalla crisi climatica

 

Si stima che 80-100% di popolazioni di cozze nane siano state recentemente perse durante un improvviso aumento dei tassi di mortalità in Spagna, Italia e altre regioni del bacino del Mediterraneo, mentre 30% di tutto il corallo rosso è stato distrutto da una singola tempesta.

La tropicalizzazione del Mediterraneo è dilagante, con temperature in aumento di 20% più velocemente della media globale, migrazione di pesci, comparsa di specie invasive mentre le specie autoctone scompaiono, praterie marine di angiosperme e barriere coralline che vengono distrutte e popolazioni di meduse che si diffondono. Le conseguenze di cui sopra della crisi climatica sul Mediterraneo sono rivelate in un recente rapporto del World Wildlife Fund intitolato "L'effetto del cambiamento climatico nel Mediterraneo: sei storie da un mare surriscaldato". Il rapporto espone ulteriormente i sei seguenti effetti primari del cambiamento climatico sul Mediterraneo:

L'aumento della temperatura dell'acqua crea condizioni “tropicali”; il risultato è che le specie autoctone vengono spostate o si estinguono.

Quasi 1.000 nuove specie straniere (126 delle quali sono pesci) sono entrate nel Mediterraneo, causando una diminuzione delle popolazioni autoctone. Nelle acque israeliane, le popolazioni di molluschi autoctoni sono diminuite di circa 90%, mentre le specie estranee, tra cui il pesce spinoso scuro, ora comprendono 80% del pescato in Turchia. Parallelamente, specie provenienti dall'estremo sud, come il barracuda e la cernia bruna, si incontrano ora al largo delle coste liguri dell'Italia settentrionale.

C'è stata una significativa espansione delle popolazioni di meduse, in particolare nelle regioni meridionali, che hanno sperimentato esplosioni demografiche sempre più frequenti e prolungate. La pesca eccessiva a lungo termine ha ridotto drasticamente le popolazioni di specie ittiche che in precedenza erano in competizione con le meduse per il cibo, e oggi alcuni pescatori catturano più meduse che pesci.

Le praterie di posidonia sono minacciate da acque sempre più calde e dall'innalzamento del livello del mare, che ha avuto un impatto devastante sia sulla biodiversità che sullo stoccaggio del "carbonio blu", ovvero le piante marine che assorbono l'anidride carbonica dall'atmosfera. Si stima che le praterie di posidonia immagazzinano 11-42% delle emissioni di CO2 della regione mediterranea.

Circa 30% di tutto il corallo rosso costituito da gorgonie, o gorgonie, nel Mar Ligure è stato distrutto a seguito di una singola tempesta nell'ottobre 2018. Inoltre, molti altri tipi di corallo che contribuiscono ai complessi ecosistemi mediterranei vengono distrutti da fenomeni meteorologici estremi con frequenza crescente.

Si stima che circa 80-100% di popolazioni di mitili nani siano state recentemente perse al largo della Spagna, dell'Italia e di altre regioni a causa dell'aumento dei tassi di mortalità. Questo mollusco bivalve, il più grande mollusco endemico del Mediterraneo, offre rifugio ad altre 146 specie più piccole.

Il rapporto del WWF sottolinea la pericolosa relazione tra gli effetti del cambiamento climatico da un lato e quelli provocati dalla pressione umana diretta sulla vita marina, attraverso la pesca eccessiva, l'inquinamento, lo sviluppo costiero e la navigazione dall'altro.

Una misura cruciale necessaria per fermare il nostro impatto negativo sul mare è la creazione e la gestione efficace di aree marine protette (AMP). Oggi tali aree coprono solo 9.68% del Mediterraneo, di cui solo 1.27% sono sostanzialmente regolamentate. Recentemente, una ricerca del WWF Mediterranean Marine Initiative ha rilevato che 30% del Mediterraneo dovrebbe essere protetto per iniziare a ripristinare gli ecosistemi, consentire alle popolazioni ittiche di riprendersi, mitigare gli effetti del cambiamento climatico e garantire pesca e turismo sostenibili, nonché sicurezza alimentare e prosperità per le comunità locali. Panagiota Maragou, direttore della conservazione del WWF Grecia, ha osservato: “Miriamo a proteggere 30% del Mediterraneo con misure di gestione efficaci al fine di ridurre la pressione sugli ecosistemi e aiutarli a diventare resistenti alla crisi climatica, ripensando anche il modo in cui usiamo le risorse naturali”.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina

it_ITItaliano
linkedin Facebook Pinterest Youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-vuoto Pinterest Youtube twitter instagram