Pesca sostenibile | Greenpeace UK

Pesca sostenibile | Greenpeace UK

Decenni di cattive pratiche di pesca hanno lasciato i nostri oceani in uno stato tragico. Molte specie che un tempo erano comuni sono ora minacciate, diminuendo al punto che non ce ne sono abbastanza da catturare e realizzare un profitto. Sono già stati catturati oltre 90% di specie predatrici come merluzzo e tonno e, secondo l'ONU, 70% di pesca sono sovrasfruttati.

Il numero di pesci diminuisce più velocemente di quanto possano riprodursi e questo sta causando profondi cambiamenti alla vita nei nostri oceani. In realtà, non ci sono molti più pesci nel mare.

L'industria della pesca è diventata high-tech e le navi giganti usano il sonar per trovare banchi di pesce con la massima precisione. Enormi reti catturano pesci in gran numero. Queste navi sono anche fabbriche galleggianti, con impianti di lavorazione e confezionamento per gestire il pescato in modo più efficiente. Tutto ciò significa che ora c'è la capacità di catturare molte volte più pesce di quanto ne sia effettivamente rimasto.

FONTE: https://www.greenpeace.org.uk/challenges/sustainable-fishing/

Pesca sostenibile - GREENPEACE

Catture accessorie selezionate scartate dal peschereccio d'altura "Chang Xing" nelle acque internazionali del Mar di Tasman. Greenpeace insieme a più di mille scienziati stanno sostenendo la richiesta di una moratoria sulla pesca a strascico in alto mare, a causa della grande quantità di vita marina che viene distrutta da questo metodo di pesca.


 

La pesca eccessiva sta svuotando i mari

Man mano che le specie tradizionali scompaiono, altre specie vengono prese di mira e persino rinominate per renderle più attraenti. Ad esempio, l'austromerluzzo è stato reinventato come il branzino cileno dal nome più appetitoso. Le flotte si stanno anche avventurando in acque più lontane nel artico e Meridionale oceani per devastare le popolazioni ittiche lì.

I metodi di pesca utilizzati da queste navi sono spesso molto distruttivi. La pesca a strascico e la pesca a strascico trascinano le reti sul fondo del mare per catturare pesci piatti come naselli e sogliole. Ma distruggono anche tutto ciò che incontrano, distruggendo le fragili barriere coralline. E la maggior parte dei metodi di pesca sono molto indiscriminati, catturando molte altre specie per caso. Questa cattura accessoria include tartarughe, squali, delfini e altri pesci, che spesso vengono ributtati in mare morti o morenti.

C'è anche un costo umano. La pesca industriale significa che i pescatori su piccola scala che utilizzano metodi più tradizionali stanno soffrendo. Nel Regno Unito, le barche più piccole hanno difficoltà a guadagnare abbastanza e le comunità in molti porti di pesca sono economicamente svantaggiate. Anche il numero dei pescatori si è dimezzato negli ultimi 20 anni. In altre parti del mondo, le persone che dipendono dal pesce per il cibo e il reddito stanno vedendo i loro stock scomparire mentre le navi straniere pescano nelle loro acque.

Quote di pesca sleali

Il modo in cui il governo del Regno Unito assegna le quote di pesca gioca un ruolo importante in questo. Le quote si sono concentrate nelle mani di un piccolo numero di società multimilionarie. Solo cinque famiglie controllano quasi un terzo delle quote di pesca del Regno Unito e più di due terzi delle quote di pesca sono controllate da sole 25 società. Rispetto alle operazioni di pesca più piccole, queste grandi aziende impiegano meno persone, utilizzano metodi di pesca meno sostenibili e meno denaro si fa strada nelle economie locali.

Il nostro governo ha già il potere di cambiare il modo in cui distribuisce le quote. Greenpeace sta conducendo una campagna per un sistema di assegnazione più equo che favorisca la pesca locale e sostenibile, che contribuirà a creare posti di lavoro e consentirà agli stock ittici di ricostituirsi.

Stiamo anche affrontando i giganti aziendali che saccheggiano i nostri oceani. La Thai Union, la più grande azienda di tonni al mondo e proprietaria della John West, stava chiudendo un occhio sulle condizioni spaventose dei lavoratori e sulle pratiche di pesca distruttive. Ma poi una protesta di migliaia di persone in tutto il mondo ha costretto la Thai Union a ripulire le sue operazioni.

E dobbiamo creare più aree protette in mare. Una rete di santuari oceanici fornirà rifugi per pesci e altra vita marina per prosperare lontano dalla minaccia delle flotte di pesca industriale. Insieme a cambiamento climatico creando altre minacce ai nostri oceani, dobbiamo dare loro tutto l'aiuto possibile.

In foto: pesca sostenibile

  • persona che tiene la tartaruga in alto per esaminarla

    Un membro dell'equipaggio indonesiano mostra una tartaruga catturata all'estremità di una linea di esche di un palangaro coreano, lo "Shin Yung 51". La posizione è all'interno della Zona Economica Esclusiva della Repubblica di Kiribati. Squali, tartarughe, delfini e albatros possono spesso finire come sfortunate catture accessorie della pesca con palangari. Greenpeace fa parte della tappa del Pacifico della spedizione globale "Defending Our Oceans". Chiedono la fine immediata della pesca pirata, una riduzione di 50% della quantità di tonno del Pacifico catturato e una rete globale di riserve marine. Gli stock di tonno Yellow Fin e Big Eye nel Pacifico centrale e occidentale sono destinati a essere sovrasfruttati in modo critico entro tre anni se la pesca incessante delle due specie di tonno continuerà ai ritmi attuali. © Greenpeace / Alex Hofford

     

  • delfino intrappolato nella rete

    Delfino striato catturato in una rete da posta derivante francese al largo delle Azzorre, nell'Atlantico settentrionale. © Greenpeace / Peter Rowlands

     

  • pescatrice che getta pesce in mare

    La pescatrice artigianale francese cattura un nasello con un guadino. © Lagazeta / Greenpeace

     

  • pescatore lancia uno squalo dalla nave

    Un membro dell'equipaggio vietnamita rilascia uno squalo nell'oceano che è stato catturato all'estremità di una lenza di un peschereccio con palangari coreano, lo "Shin Yung 51". mentre si pesca il tonno. La posizione è all'interno della Zona Economica Esclusiva della Repubblica di Kiribati. Squali, tartarughe, delfini e albatros possono spesso finire come sfortunate catture accessorie della pesca con palangari. Gli stock di tonno Yellow Fin e Big Eye nel Pacifico centrale e occidentale sono ora drasticamente ridotti a causa della pesca pirata e della pesca eccessiva di stock da parte di nazioni industriali straniere. I pescatori locali lottano per competere in queste acque poiché le sofisticate attrezzature da pesca li mettono fuori gioco. Greenpeace chiede la fine immediata della pesca pirata, una riduzione di 50% della quantità di tonno catturato nel Pacifico e una rete globale di riserve marine per affrontare il problema della pesca eccessiva. © Greenpeace / Alex Hofford

     

  • pesce morto

    Catture accessorie selezionate scartate dal peschereccio d'altura "Chang Xing" nelle acque internazionali del Mar di Tasman. Greenpeace insieme a più di mille scienziati stanno sostenendo la richiesta di una moratoria sulla pesca a strascico in alto mare, a causa della grande quantità di vita marina che viene distrutta da questo metodo di pesca. © Greenpeace / Roger Grace

     

  • pescatore con rete da pesca

    Tururuko, capo dei pescatori locali, dirige ogni giorno l'equipaggio durante le attività di pesca a Pemba, Quirimbas, nel nord del Mozambico. © Francisco Rivotti

     

  • pesce morto

    Una squadra della nave di Greenpeace MV Esperanza documenta le catture accessorie scartate sul ponte di un peschereccio battente bandiera spagnola, l'Ivan Nores, nell'area di Hatton Bank nel Nord Atlantico, 410 miglia a nord-ovest dell'Irlanda. I pescherecci con reti a strascico, la maggior parte dei paesi dell'UE, trascinano attrezzi da pesca del peso di diverse tonnellate sul fondo del mare, distruggendo la fauna marina e la vita devastante sulle montagne sottomarine - o "montagne sottomarine". © Greenpeace / Kate Davison

     

  • ripresa subacquea del dispositivo di aggregazione dei pesci

    Banchi di pesci circondano un dispositivo di aggregazione del pesce (FAD) nell'Oceano Pacifico occidentale. Circa 10% delle catture generate dalla pesca con reti da circuizione FAD sono catture accessorie indesiderate e comprendono specie minacciate di squali e tartarughe. La cattura di grandi quantità di novellame di tonno obeso e tonno albacora in queste attività di pesca sta ora minacciando la sopravvivenza di queste specie di valore commerciale. Greenpeace chiede un divieto totale dell'uso di dispositivi di aggregazione dei pesci nella rete a circuizione e la creazione di una rete globale di riserve marine. © Paul Hilton / Greenpeace

     

  • barchetta nel mare con il sole

    Shamus Nicholls sulla sua barca "Little Lauren" cattura i bassi con un handliner. È uno dei pescatori che sostengono la pesca sostenibile su piccole imbarcazioni. © David Sandison / Greenpeace

     

  • pescatori in barca tradizionale con tanto tonno

    I pescatori usano il metodo di pesca con canna e lenza per catturare il tonnetto striato. La pesca con la canna e la lenza è un modo selettivo e quindi più sostenibile per catturare il tonno poiché vengono catturati solo pesci di una certa dimensione, lasciando che i giovani crescano fino all'età riproduttiva e ricostituiscano lo stock in futuro. Piccoli pesci da esca vengono lanciati oltre il lato della barca per attirare il tonno sulla superficie dell'acqua. I pescatori usano l'accelerazione del pesce mentre corrono per catturare la preda, agganciarla e lanciarla sul ponte piatto della nave. © Greenpeace / Paul Hilton

     

  • nave in acqua con rete gigante

    L'Albatun Tres spagnolo è lungo 115 metri ed è il più grande tonno a circuizione del mondo. Navi come questa viaggiano da un dispositivo di aggregazione dei pesci (FAD) a un altro e stendono le loro enormi reti per catturare tutto ciò che nuota intorno al FAD. Circa 10% delle catture generate dalla pesca con reti da circuizione FAD sono catture accessorie indesiderate e comprendono specie minacciate di squali e tartarughe. La cattura di grandi quantità di novellame di tonno obeso e tonno albacora in queste attività di pesca sta ora minacciando la sopravvivenza di queste specie di valore commerciale. Greenpeace chiede un divieto totale dell'uso di dispositivi di aggregazione dei pesci nella rete a circuizione e la creazione di una rete globale di riserve marine. © Paul Hilton / Greenpeace

     

  • pescatori che pescano il tonno

    I pescatori tirano il tonnetto striato sulla barca nel mare di Flores, Nusa Tenggara orientale. I pescatori di Larantuka sono famosi per l'utilizzo di metodi sostenibili, canna e lenza, per la pesca del tonno. La pesca con la canna e con la lenza è un metodo di pesca tradizionale, immutato da generazioni, e spesso utilizzato dai pescatori locali nelle comunità costiere, utilizzando esche vive, i bersagli di pesca striati di superficie. © Jurnasyanto Sukarno / Greenpeace

    FONTE: https://www.greenpeace.org.uk/challenges/sustainable-fishing/

PROSSIMO ARTICOLO DEL BLOG

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina

it_ITItaliano
linkedin Facebook Pinterest Youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-vuoto Pinterest Youtube twitter instagram