Turismo sostenibile: cosa significa?

Turismo sostenibile: cosa significa? — Cambiatori della Terra

FONTE: https://www.earth-changers.com/blog/iy2017-international-year-of-sustainable-tourism-for-development

#IY2017 L'Anno Internazionale delle Nazioni Unite del Turismo Sostenibile per lo Sviluppo

#IY2017 L'Anno Internazionale delle Nazioni Unite del Turismo Sostenibile per lo Sviluppo

Turismo Sostenibile per lo Sviluppo

Il 2017 è stato l'anno delle Nazioni Unite del turismo sostenibile per lo sviluppo, #IY2017. Facilmente, è stato anche l'anno in cui Earth Changers è stato lanciato, e come tale è stato invitato a essere un partner autorizzato, poiché esistiamo per promuovere e sostenere il miglior turismo sostenibile per lo sviluppo e accrescere la consapevolezza del contributo del turismo alla sostenibilità. Ma cosa significa veramente??

Che cos'è la sostenibilità?

Le persone capiscono il termine in generale, che si tratta di essere in grado di sostenere o mantenere qualcosa a un certo ritmo, livello o equilibrio, che un aumento non ha un impatto negativo, destabilizzante.

Quindi, quando applicato al turismo, significa solo che il turismo globale deve essere limitato ai livelli attuali, non aumentare, perché viaggiare di più avrebbe un impatto negativo sul mondo?

Non proprio. Perché non si tratta solo di volumi (crescita, limiti o riduzioni), ma anche di impatti.

In parole povere, qualsiasi considerazione sulla sostenibilità - equilibrio praticabile e sostenibile - esamina insieme gli impatti su tre cose, chiamate "tripla linea di fondo”.

La tripla linea di fondo. Credito: Ey.com

La tripla linea di fondo. Credito: Ey.com

Laddove la "linea di fondo" di un'organizzazione commerciale è singolarmente il suo profitto - il suo economico vantaggi: qualsiasi sostenibilità viene considerata con altri due fattori, che sono Sociale e Ambientale.

Quindi la Sostenibilità Triplicare La linea di fondo considera un equilibrio di 3 pilastri: sociale, ambientale ed economico:

Cos'è lo sviluppo sostenibile??

Nel 1987, la Commissione mondiale delle Nazioni Unite per l'ambiente e lo sviluppo (WCED) ha pubblicato il Rapporto Brundtland, altrimenti chiamato "Il nostro futuro comune” a cui era stato chiesto di proporre strategie ambientali a lungo termine come “Un'agenda globale per il cambiamento” per raggiungere lo sviluppo sostenibile entro l'anno 2000 e oltre. Ha definito lo sviluppo sostenibile come,

Sviluppo che soddisfi i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri”.

Quindi lo sviluppo sostenibile può essere realizzato dal turismo, ma come fa il turismo a farlo?

Turismo sostenibile

L'Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite (UNWTO) definisce turismo sostenibile come

"Turismo che tiene pienamente conto dei suoi impatti economici, sociali e ambientali attuali e futuri, rispondendo alle esigenze dei visitatori, dell'industria, dell'ambiente e delle comunità ospitanti".

Ma “Turismo sostenibile” non è una contraddizione in termini?

Non stiamo, solo viaggiando da qualche parte, soprattutto volando, creando un impatto negativo?

Sì e no. Qualsiasi industria o settore può avere un impatto negativo e qualsiasi industria o settore, incluso il turismo, può essere più sostenibile. Il turismo sostenibile non è un "tipo" di turismo (come la crociera o il campeggio), né si verifica in luoghi specifici (come la giungla remota o il deserto), piuttosto è l'ethos con cui viene gestita un'organizzazione e vengono prese le decisioni.

Quindi nel turismo (più) sostenibile, le decisioni non vengono prese solo per il profitto finale, ma su una base di tripla linea di fondo che considera costi e benefici dal punto di vista ambientale e sociale oltre che economico, e cerca di trovare un equilibrio adeguato tra le tre dimensioni per garantire la sostenibilità a lungo termine.

Quindi un viaggio può effettivamente avere un impatto ambientale negativo, ma un viaggio può anche apportare contributi positivi dal punto di vista economico o sociale, motivo per cui non è chiaro e semplice.

Triplo vantaggio finale

Si potrebbe sostenere che porre fine ai viaggi globali potrebbe ridurre in modo massiccio l'"impronta" di carbonio del turismo e il conseguente impatto sulle emissioni di gas serra e sul riscaldamento globale causato dall'uomo.

Tuttavia, i trasporti non sono l'unica cosa che crea emissioni di carbonio: lo fanno anche gli alloggi, i tour e altre attività di viaggio. Ma mentre questi possono senza dubbio causare un impatto ambientale negativo, togliere il turismo ad alcuni paesi potrebbe letteralmente tagliare la loro linea di vita, a causa di altri impatti che può avere, inclusi (ma non limitati a):

Economico Impatti: guadagni esteri tramite esportazioni, imprese, posti di lavoro e reddito, collegamenti intersettoriali e settoriali, approvvigionamento, valore della catena di approvvigionamento, infrastrutture e sistemi finanziari.

Sociale Impatti: Istruzione, salute, benessere, accessibilità, cultura e risorse culturali - lingua, cibo, danza, arte, abbigliamento, patrimonio, edifici, comportamento - morale, stima, responsabilizzazione, uguaglianza, politica, comprensione interculturale, tolleranza e la pace.

Ambientale Impatti: risorse naturali e capitale, ecosistemi, paesaggi, (de)forestazione, biodiversità, fauna selvatica, conservazione, conservazione, rifiuti, acqua, energia, edilizia, inquinamento, atmosfera e cambiamento climatico.

Il turismo è un importante contributo al PIL e al valore internazionale di un paese e della sua cultura. Può estendersi molto nella società urbana e rurale di una nazione in un modo che molte altre industrie o settori non possono, ad esempio le industrie estrattive che si concentrano e hanno un impatto su un'area relativamente piccola, rispetto al turismo che viaggia in tutto il paese, spesso venduto come esportazione .

Il valore del turismo nell'economia globale

Le tendenze dell'impatto economico 2019 del World Travel and Tourism Council mostrano viaggi e turismo rappresentati nell'economia globale nel 2018:

  • 10.4% del PIL globale : US$8,8 trilioni, superiore a quello dei settori agricolo, bancario, manifatturiero automobilistico e minerario.
  • $2.8 trilioni di PIL globale diretto contributo - maggiore del settore manifatturiero automobilistico.
  • 1 lavoro su 10: 319 milioni (123 milioni diretti, il resto indiretti e indotti): più di 5 volte il mining e quasi il doppio dei servizi finanziari.
  • 1 nuovo lavoro su 5 negli ultimi 5 anni
  • Crescita di 3.9%: per 8 anni consecutivi supera l'economia in generale (3.2%), ora il 2° settore più veloce al mondo, dietro a Manufacturing (4%) e davanti a Constrcution (3.4%), Retail (3.3%), Healthcare (+3.1% ), Agricoltura (1.8%), Servizi finanziari (+1.7%) e Comunicazioni (1.7%)
  • 6.5% delle esportazioni globali totali
  • 27.2% di esportazioni totali di servizi globali
  • 71.2% domestico vs 28.8% turismo internazionale spendere: la crescita più forte è nei paesi in via di sviluppo.
  • Spesa di viaggio divisa: 78.5% per il tempo libero vs 21.5% per le imprese
  • Entro il 2029, Travel & Tourism dovrebbe rappresentare direttamente oltre 154 milioni di posti di lavoro, con un aumento di 2,1% all'anno.

Per il turismo faunistico, l'impatto economico del WTTC 2019 del turismo faunistico mostra:

  • $120.1 miliardi / 4.4% contributo PIL all'economia globale nel 2018: oltre cinque volte il valore del commercio illegale di specie selvatiche.
  • $343,6 miliardi di contributo economico tenendo conto degli effetti moltiplicatori globali, equivalenti al PIL del Sudafrica o di Hong Kong.
  • 21,8 milioni di posti di lavoro / 6,8% di posti di lavoro turistici totali supportati, equivalente dell'intera popolazione dello Sri Lanka.
  • Un terzo dell'Africa Entrate da viaggi e turismo

L'Organizzazione mondiale del turismo delle Nazioni Unite ha anche riferito (2019) che i viaggi e il turismo nel 2018 hanno rappresentato:

  • US$1.7 trilioni di esportazioni internazionali, un aumento di 4% in termini reali rispetto all'anno precedente, superando le esportazioni di merci (+3%).
  • 29% di esportazioni di servizi globali e 7% delle esportazioni complessive di beni e servizi.
  • 3a categoria di esportazione mondiale, dopo la produzione chimica e l'industria dei combustibili, ma prima dell'industria alimentare e automobilistica.

I paesi meno sviluppati

Il turismo può essere evidentemente importante per qualsiasi paese e la sua importanza può essere amplificata nei paesi meno sviluppati.

Se il turismo globale fosse limitato (ad es. per motivi di impatto del carbonio sul riscaldamento globale), sarebbero probabilmente i paesi che ne hanno più bisogno - i paesi meno sviluppati - che soffrirebbero di più, già soffrendo di povertà, debolezza delle risorse umane (salute, problemi di alfabetizzazione educativa) e vulnerabilità economica (produzione, esportazioni, ecc.):

  • I paesi in via di sviluppo rappresentano oltre il 45 per cento degli arrivi turistici mondiali e oltre il 35 per cento delle entrate del turismo internazionale. (Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo, 2013)

Il turismo è tra i primi 3 settori, se non il primo, e certamente per il commercio di esportazione, per molti dei paesi meno sviluppati del mondo:

  • US$ 21 miliardi da 29 milioni di arrivi di turisti internazionali nel 2015 per i 48 LDC
  • 7% delle esportazioni totali dei paesi meno sviluppati di beni e servizi, 10% per gli esportatori non petroliferi (UNWTO, 2016)
  • 14% crescita annuale media negli arrivi di turisti internazionali LDC, rispetto a 7% in tutto il mondo (2000-2014)

I principali paesi le cui esportazioni di visitatori rappresentano la stragrande maggioranza del PIL includono: Aruba (84.5%), Macao (80.6%), Capo Verde (73.2%), Reunion (71.5%), Maldive (70.9%), Gambia (66.6%) , Bahamas (66.1%), Sao Tomé e Principe (65.6%), Tonga (64.4%), Vanuatu (63.3%) (WTTC, 2019).

È evidente come il turismo possa essere utilizzato come forza trasformatrice per il bene nei paesi meno sviluppati e in tutti i paesi.

Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS)

Il turismo sostenibile può quindi essere utilizzato come strumento di sviluppo. Ciò è stato riconosciuto dai leader globali alla Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile del 2012 a Rio, in Brasile (nota anche come "Rio+20" o "Earth Summit 2012"), un follow-up di 20 anni al Summit della Terra di Rio 1992 / United Conferenza delle Nazioni sull'ambiente e lo sviluppo (UNCED) e il decimo anniversario del Vertice mondiale sullo sviluppo sostenibile (WSSD) del 2002 a Johannesburg.

Alla conferenza, gli Stati membri hanno riconosciuto che "turismo ben progettato e ben gestito” può contribuire alle tre dimensioni dello sviluppo sostenibile (economica, sociale, ambientale) e ha deciso di avviare un processo per sviluppare un insieme di Obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS), composto da 169 obiettivi volti a promuovere lo sviluppo sostenibile a livello globale, per costruire gli obiettivi di sviluppo del millennio, nel contesto dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, per le persone, il pianeta, la prosperità, la pace e il partenariato.

 

Turismo Sostenibile per lo Sviluppo Locale

Turismo Sostenibile per lo Sviluppo Locale

 

Earth Changers sostiene gli obiettivi di sviluppo sostenibile

SDG 8 Lavoro dignitoso e crescita economica

SDG 8 Lavoro dignitoso e crescita economica

SDG 8: Promuovere una crescita economica sostenuta, inclusiva e sostenibile, un'occupazione piena e produttiva e un lavoro dignitoso per tutti.
Il turismo è una delle forze trainanti della crescita economica globale e fornisce 1 posto di lavoro su 11 in tutto il mondo.

SDG12 Produzione e consumo responsabili

SDG12 Produzione e consumo responsabili

SDG 12: Consumo e produzione sostenibili
Un settore turistico che adotta pratiche di consumo e produzione sostenibili (SCP) può svolgere un ruolo significativo nell'accelerare il passaggio globale verso la sostenibilità.

SDG 14: Conservare e utilizzare in modo sostenibile gli oceani, i mari e le risorse marine per uno sviluppo sostenibile.
Il turismo costiero e marittimo, i segmenti più grandi del turismo, in particolare per i piccoli Stati insulari in via di sviluppo (SIDS), si basa su ecosistemi marini sani.

#IY2017 L'Anno Internazionale del Turismo Sostenibile per lo Sviluppo

L'Anno Internazionale mira a sostenere un cambiamento nelle politiche, nelle pratiche commerciali e nel comportamento dei consumatori verso un settore turistico più sostenibile che possa contribuire agli SDGs.

Per affrontare le questioni di come il turismo può supportare gli obiettivi di sviluppo sostenibile, il #IY2017 promuoverà il ruolo del turismo nelle seguenti cinque aree chiave:

  1. Crescita economica inclusiva e sostenibile
  2. Inclusività sociale, occupazione e riduzione della povertà
  3. Efficienza delle risorse, protezione dell'ambiente e cambiamento climatico
  4. Valori culturali, diversità e patrimonio
  5. Comprensione reciproca, pace e sicurezza

Nel corso dell'anno, Earth Changers evidenzierà il ruolo e lo scopo del turismo, e come esso è interrelato con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, attraverso i suoi Luoghi che cambiano la vita e le Persone che cambiano il mondo.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina

it_ITItaliano
linkedin Facebook Pinterest Youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-vuoto Pinterest Youtube twitter instagram